dintorni

parliamo un po' di cosa scrivere in questo spazio qui

aprile 05, 2004

Gentlemen's agreement (by Cynar)

Nel frattempo I si avvicinó all'autista, intento a raccogliere una ad una le carpe boccheggianti. Il tipo era portoghese, non c'era dubbio: barba di 3 giorni, baffo di alcuni mesi, sguardo triste e alito pesante. Il suo nome era Joao, sua madre lo chiamó così in onore a suo padre, che la aveva montata 115 ore consecutive, nella stessa posizione della carriola. Meritava una ricompensa. Il portoghese era infuriato; brandendo una carpa e roteandola in aria come una mazza, affrontò lo spagnolo che gli veniva incontro:
Spagnolo: "Tranquilo, amigo"
Portoghese: "Ti scarpo la faccia"
Spagnolo: "Amigo, qui paga l'assicurazione"
Portoghese: "Assicurazione? Che cos'é?"
Spagnolo: "Andiamo bene, prendi il libretto ed entriamo nel baretto"
Portoghese: "Libretto? Che cos'è?"
Spagnolo: "Baretto, alcool, pagare io"
Portoghese: "D'accordo"
I due entrarono nel chiosco immondo dello zingaro, si sedettero, chiesero una bottiglia di Pacharan al vagabondo che gliela rifiutó con il pretesto di non sapere che cosa fosse il Pacharan. Il barbone ha voglia di scherzare, disse a se stesso I. Alla richiesta di una bottiglia di qualsiasicosa, il senzafissadimora si ricordó di una bottiglia di Cynar che tempo addietro un frate peregrino, scalzo e senza mutande, aveva chiesto di conservare, ma di non degustare, lui o un suo confratello sarebbero tornati a riprendersela. Perché lasciarla lí nelle mani unte di un infido senzacasa? Il diseredato non se lo chiese mai. Ormai erano passati una decina di settimane da quell'incontro e il picedi si sentí libero da quella promessa. Prese uno sgabello, allungó la unta mano e afferró la bottiglia. Si insospettí vedendo una nutrita colonia di muschi e licheni in un lato del recipiente; come è possibile una forma di vita in queste condizioni, che grande è zia Natura, madre ce n'è solo una, e chissà qual è la mia. Optò per scaraffare il contenuto. Quando tornó con la caraffa ectoplasmatica, i due autisti gli chiesero che cosa fosse. Il gipsy rispose che si facessero i fatti loro. I due annuirono. Lo spagnolo si convinse definitivamente che valeva la pena retromarciare un poco anche sulla baracca asfittica del randagio.